Attivita’ di progetto.

Piano di lavoro 1: Gestione (Management)


Partner capofila: ISSBS, Celje, Slovenia L’obiettivo principale del PL 1 è quello di istituire una struttura Gestionale e fissare meccanismi adeguati alla coordinazione del progetto da un punto di vista tecnico, pedagogico e amministrativo-finanziario. All’interno del PL 1, saranno organizzati 7 incontri di progetto.

Piano di lavoro 2: Studio iniziale


Partner capofila: ISOB, Regensburg, Germania Raccolta degli spunti più rilevanti ricavati dalle pubblicazioni e dalle buone pratiche nazionali e internazionali sull’inclusione dei minori immigrati e dei Rom all’interno dell’ambiente di apprendimento (con il supporto di insegnanti e volontari adeguatamente formati). Per studiare questo argomento sono necessari, per l’attuazione efficace di tutte le fasi del progetto, i riesami dei correnti stati dell’arte nei paesi partner (e in Turchia) e le convalide delle buone pratiche in atto.

Piano di lavoro 3: Formazione per i volontari


Partner capofila: ISSBS, Celje, Slovenia La formazione dei volontari ha lo scopo di dotare chi coinvolto nel volontariato, di nozioni di responsabilità sociale, volontariato in genere, tanto quanto di strategie per lavorare in un ambiente multiculturale, con particolare attenzione per gli immigrati e i Rom. Una classe multimediale sarà istituita per supportare le attività di formazione. Fasi – parti della formazione:
  • Formazione pilota per volontari: Giugno 2017 in Slovenia
  • Gennaio 2018 in Slovenia, Spagna, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Italia
  • Gennaio 2019 in Slovenia, Spagna, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Italia

Piano di lavoro 4: Attività di volontariato


Partner capofila: SEEU, Tetovo, Ex Macedonia Notevole attenzione ricade sulle attività di volontariato in quanto uno degli strumenti importanti per aiutare i minori immigrati e i Rom ad integrarsi a scuola e nella società in genere. Il lavoro di volontariato si incentra principalmente nell’aiutare i bambini nei compiti a casa, nella comunicazione in lingua madre, nell’integrazione dei minori e dei loro genitori nella regione e nella comunità ospitante. Fasi – parti della formazione:
  • Da febbraio sino a maggio 2018 in Slovenia, Spagna, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Italia.
  • Da febbraio sino a maggio 2019 in Slovenia, Spagna, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Italia.

Piano di lavoro 5: formazione per gli insegnanti


Partner capofila: IRŠIK, Murska Sobota, Slovenia Lo scopo principale della formazione dei docenti è quello di assicurare migliori competenze culturali a coloro che insegnano in classi in cui sono presenti i Rom e immigrati, oltre che a rendere loro note le strategie di inclusione di questi gruppi nelle classi. La formazione durerà 2 giorni e sarà suddivisa in seminari (competenze interculturali, strategie per l’inclusione, nello specifico dei minori immigrati e dei Rom nella scuola … ). Una classe multimediale sarà istituita per supportare le attività di formazione.
Fasi – parti della formazione:
  • Formazione pilota per insegnanti: Giugno 2017 in Slovenia
  • Aprile/Maggio 2018 in Slovenia, Spagna, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Italia
  • Aprile/Maggio 2019 in Slovenia, Spagna, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Italia

Piano di lavoro 6: Piattaforma multimediale su tematiche interculturali


Partner capofila: CSIG, Taranto, Italia Opportunità di apprendimento digitale forniranno uno spazio illimitato per la progettazione di un apprendimento auto gestito e attivamente partecipato. E’ disponibile materiale di diverso genere, come prodotti interattivi, video, quiz, interviste. Una piattaforma multimediale è stata principalmente progettata per gli insegnanti e i volontari; la piattaforma, tuttavia, si rivolge anche ad altri gruppi di individui: bambini, genitori, e visitatori in generale. La piattaforma sarà elaborata nel corso dell’ultimo anno di svolgimento del progetto (2019) in 7 lingue: Inglese, Tedesco, Italiano, Macedone, Sloveno, Spagnolo e Turco.

Piano di lavoro 7: Seminari nazionali per tutti i soggetti interessati


Partner capofila: UA, Alicante, Spagna Durante il progetto, saranno organizzati numerosi seminari per i diversi soggetti interessati (responsabili politici dell’istruzione, dirigenti scolastici, rappresentanti delle diverse autorità locali, Istituti per gli immigrati e i Rom, ricercatori e accademici del settore, etc.). i temi principali dei seminari sono l’inclusione dei minori immigrati e dei Rom nelle scuole, oltre al volontariato. Fasi – parti della formazione:
  • Seminario nazionale pilota: giugno 2017 in Slovenia
  • Aprile/Maggio 2018 in Slovenia, Spagna, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Italia, Turchia
  • Aprile/Maggio 2019 in Slovenia, Spagna, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, Italia, Turchia
 Le persone a un incontro di lavoro

Piano di lavoro 8: certificazione della qualità del progetto


Partner capofila: ISOB, Regensburg, Germania Una raccolta completa dei dati verrà elaborata relativamente al valore degli sviluppi del progetto, i punti di forza e quelli di debolezza, le opportunità e i rischi che scaturiscono durante la progettazione, e i risultati del progetto vs i descrittori. Questo contribuirà alla valutazione del progetto da parte di terzi e sosterrà ulteriori e successive diffusioni e utilizzi.

Piano di lavoro 9: Disseminazione e conferenza internazionale


Partner capofila: ISSBS, Celje, Slovenia Gli esiti del progetto saranno divulgati in itinere e oltre la conclusione dello stesso. Le principali attività di diffusione sono:
  • I risultati del progetto saranno diffusi in occasione di una conferenza internazionale (organizzata a settembre 2019 in Slovenia).
  • I membri del gruppo di lavoro presenteranno i risultati e le attività nei paesi non partecipanti al progetto (minimo 6 volte durante l’arco di tempo del progetto).
  • In Germania (Maggio 2019) e in Turchia (Giugno o Settembre 2019) avranno luogo 2 seminari: un seminario per i rappresentanti di organizzazioni sociali, un seminario per i dirigenti, responsabili del corpo docenti, insegnanti, con lo scopo di diffondere e promuovere il progetto e i suoi esiti tra i principali soggetti interessati e moltiplicatori di materiali finali, (eventi che andranno a sostituire le attività dei piani di lavoro 3, 4 e 5 che non saranno realizzati in Germania e in Turchia).
Galleria
Galleria
Galleria
Galleria